Un tocco di luce!!!

Tutte noi prima o poi decidiamo di dare un taglio o semplicemente ravvivare il nostro colore naturale di capelli, per renderli ancora più belli e lucenti.
Le tecniche di colorazione aumentano di anno in anno e negli ultimi tempi abbiamo visto un susseguirsi di tecniche di colorazione quali bronde, shatush, balayage e splashligh…
Oggi vi voglio parlare di una tecnica di colorazione alla quale mi sono sottoposta.
Avete mai sentito parlare della tecnica del degradè?
Si tratta semplicemente di una tecnica di schiaritura che vi permette di ottenere dei riflessi raffinati e naturali sulle vostre chiome.
Ovviamente per risultare perfetta dovrà essere eseguita con maestria da un parrucchiere esperto che saprà come sottolineare il vostro taglio di capelli con il colore. Dunque se la tonalità piatta dei vostri capelli vi ha stufate, è il momento di pensare ad un modo semplice per ravvivarla senza rovinare le chiome.
Da non confondere con lo shatush, che è un trattamento che può schiarire il vostro colore naturale da uno a tre toni e necessita di vari ritocchi, il degradè si differenzia anche dal balayage per il fatto di essere una colorazione che si effettua in verticale.

La colorazione verticale  permette di non rovinare il fusto del capello, come succede invece con altre tecniche di schiaritura.
Grazie alla colorazione ricca di riflessante utilizzata e all’assenza di ammoniaca, viene a formarsi una pellicola esterna intorno al capello preservando le proprietà naturali, di conseguenza si avrà una maggiore lucentezza e l’effetto naturale che tutte noi desideriamo. I capelli saranno più lucidi e brillanti.
Può sembrare inutile a dirsi, ma la professionalità e la qualità dei prodotti utilizzati sono essenziali per ottenere un buon risultato e per avere la garanzia di non rovinare i capelli. Affidatevi sempre a un bravissimo parrucchiere che usi prodotti professionali di elevatissima qualità.
Io mi sono affidata a Salomone Team Consulenti d’Immagine ed il risultato è stato strepitoso.

Degradé
Degradé

FacebookTwitter
Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *